amore consapevole

LA COPPIA SACRA

AMORE CONSAPEVOLE E PERCORSI

LA COPPIA DEL FUTURO

Per “coppia sacra” si intende l’unione di due persone che abbiano compiuto un percorso di consapevolezza tale da aver portato ciascuno dei due individui ad una sufficiente evoluzione riguardo:

@ l’amore verso se stessi

@la conoscenza, la protezione e il rispetto dei limiti propri e altrui

@ la capacità di accettazione e amore incondizionato e non come riempitivo di vuoti o bisogni propri

@ la capacità di individuazione (e scioglimento) delle proprie dipendenze.

 

amore e consapevolezza
Opera di Tatyana Ilieva

 

Il fatto è che la nostra società, e non solo la nostra, ha preso una deriva che ci ha allontanati parecchio dalle reali potenzialità dell’unione di un uomo e di una donna e dal reale potere dell’incontro tra maschile e femminile.

Ciò ha potuto avvenire, da una parte, riducendo la coppia alla procreazione di vita ma senza aver creato le basi di una vera connessione tra queste due forze ancestrali e sacre, attraverso l’incontro di un uomo e di una donna. Quando non come strumento di controllo e illusione di possesso dell’altr*.

Dall’altra, insegnandoci infine, dall’epoca del Romanticismo ottocentesco in poi, che la persona amata sia la panacea di tutti i nostri mali.

Si è parlato a lungo di “visione idealizzata” dell’amore, avvenuta tramite romanzi, musica, libri, insegnamenti sbagliati e poi il cinema, la TV e tanto altro.

Ma l’espressione è a mio parere quanto mai sbagliata. “Idealizzare” significa migliorare con le proprie aspettative e la propria immaginazione, quando l’amore e l’espressione della coppia non sono stati che abbruttiti, limitati, misconosciuti e imbarbariti.

La verità è che non si è mai idealizzato l’amore di coppia: al contrario, esso è stato minimizzato, sottovalutato e insabbiato.

L’intimità è diventata rara e sconosciuta anche a coppie consolidate.

Si è cioè mascherata la possibilità più potente di evoluzione data in questo mondo come qualcosa di gretto, come un semplice ricettacolo del nostro io più piccolo. Tutto incluso: con i suoi istinti sessuali, slegati dalla conoscenza di come utilizzarli; con i suoi egoismi, con le sue paure, con le sue pretese e con tutte le sue conoscenze fuorviate o limitate.

In questo modo, la maggior parte delle persone si è fermata ad un piano di lettura, di esperienza e di evoluzione molto basso rispetto all’ascesa a cui avrebbe potuto prendere parte attraverso l’unione con l’altr*.

 

percorsi interiori

 

“Lui arriva quando brilli di Gioia poiché lui è la Gioia che espande la tua e non la Gioia che ti compensa.”

Cita Sara Surti nel sito Camminando Nel Sole.  Ed è proprio così.

Da troppi secoli il modello di coppia standard si è retto sull’illusione di ricercare nell’altr* un riempitivo per il nostro “male di vivere”, una soluzione per la nostra solitudine, un capro espiatorio per i nei nostri, le ombre nostre, i vuoti nostri che non eravamo pronti ad affrontare e di cui non eravamo in grado di assumerci la responsabilità.

Osho dice: “In quasi tutti, il cuore è profondamente addormentato. Non ci hanno mai insegnato la via dell’amore, ma ci hanno insegnato la via dell’odio, perché siamo stati condizionati a lottare, a combattere.

Ti hanno insegnato che il mondo intero è tuo nemico e che tutti sono pronti a saltarti addosso. A volte questo condizionamento è diretto, a volte è indiretto, ma è sempre così: vivi in un mondo competitivo e se vuoi sopravvivere devi lottare, e lottare con ogni mezzo, onesto o disonesto. Se non lo farai, sarai sconfitto; per difenderti, devi attaccare.

Questo è il condizionamento della mente e quindi, naturalmente, l’amore è scomparso dall’esistenza.”

La visione di una società diversa, evoluta, civile e sviluppata esige un lavoro interiore di ciascun singolo componente di essa e la nascita di un modello di coppia completamente nuovo, finora rappresentato solo da pochi “eletti” capaci di grande coraggio (nell’affrontare se stessi) ed empatia (verso l’altr*).

La coppia non può creare amore, se esso non è già presente all’interno dei suoi singoli componenti.

L’amore, quello vero, quello alto e maturo (non quello della parola inflazionata per indicare desideri egoistici) vive di luce propria. Continua a rigenerarsi come fosse parte di un moto perpetuo. Sono certa che la forza che lo nutre venga da una dimensione diversa da quella che qui vediamo e tocchiamo ogni giorno. Perché, al contrario delle cose di questo mondo, esso non può conoscere limiti o fine.

E non ha bisogno dell’altr* per essere nutrito.

 

amore e consapevolezza

 

In questo articolo ho mostrato alcuni degli errori delle donne.

E qui a questo articolo sul patriarcato il risultato di quelli degli uomini.

 

IL POTERE DELL’ENERGIA SESSUALE

Tra le altre cose, nella nostra educazione occidentale, l’enorme potere di trasformazione proprio dell’energia sessuale ci è stato nascosto, o non ci è stato reso noto.

Ma in altre culture, esso è stato incanalato magistralmente come forza propulsiva per l’autoconoscenza e per la stessa evoluzione spirituale. Basti solo pensare al tantra o all’utilizzo della kundalini.

“L’energia sessuale è la forma di energia più potente di cui l’uomo può disporre. Essa è la spinta creativa che porta in manifestazione l’Universo stesso. È infatti l’energia c r e a t i v a per eccellenza, la fonte primordiale di ogni genere di creazione”,

ci ricordano i testi di Osho, riproposti in questa meravigliosa pagina del blog Ragazza Indaco sulla kundalini e la trasformazione, che ti invito a leggere nella sua versione integrale, in quanto parte integrante dei concetti di questo stesso articolo.

 

tantra e consapevolezza

 

“Uno dei messaggi fondamentali è: se qualcuno vi ama, non introducete condizione alcuna. Se amate qualcuno, non storpiatelo. Lascia che il tuo amore si espanda, dona all’altro più spazio di Quanto ne abbia mai avuto Quando era solo. Nutritelo, ma non avvelenate il suo nutrimento, non possedetelo. Lasciate che sia libero, più libero di quanto non sia mai stato. In questo caso l’amore crescerà in una profonda intimità.

Quando l’amore porta con sé la libertà, scende ad una profondità maggiore. Quando l’amore fa sentire l’altro rispettato, non umiliato, non distrutto ma sostenuto, Quando l’amore ci fa sentire nutriti, liberi, allora scende ad una profondità maggiore. In questo caso diventa preghiera, diventa l’esperienza più Elevata, della Vita suprema.” (Osho)

La letteratura, gli articoli e i blog al riguardo sono tanti. Questo ancora ci dice:

“Non esiste al mondo pratica, tecnica o altro che sia più potente dell’atto d’amore tra un uomo ed una donna quando viene vissuto con sacralità. Esso è la forma di meditazione più potente e profonda, in quanto la mente lascia totalmente spazio all’Anima e la Luce scorre nei loro corpi, rigenerandoli e riportando equilibrio.”

 

la coppia sacra

 

BUON VIAGGIO

Ti auguro un cammino stimolante, un viaggio affascinante e la realizzazione di un’unione illuminante.

Da dove si comincia?

Ovviamente, sempre da sé. Ma non per forza da una solitudine vissuta come dolore.

Questo è il viaggio dei viaggi, un’esperienza che ti porterà la massima ricchezza a cui un essere umano possa aspirare.

Ti suggerisco dunque di iniziare a gioirne da subito, qualunque sia la tua situazione sentimentale attuale.

L’impressione di separazione dall’altr* – si trovi lei/lui distante nello spazio geografico o nel tempo – passato, presente, futuro o dimensioni parallele – è, in tutti i casi, sempre e solo un’illusione.

Essa può sciogliersi in maniera direttamente proporzionale al nostro procedere verso l’interno di noi stess*.

Sei, naturalmente, sempre la benvenuta o il benvenuto nel contribuire al tema con i tuoi commenti o racconti qui sotto.

Grazie di cuore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *