giardino segreto

IL TUO GIARDINO SEGRETO

UNO SPAZIO PERSONALE SOLO PER TE

E’ sempre più importante, e anche urgente, ritrovare la connessione con la natura.

Per farlo, è necessario in primis amare noi stesse.

Per contro, la connessione con la natura è in grado di portarci a una riconnessione con noi stesse. Con la nostra anima, con la nostra guida interiore, con la nostra legge.

Dovunque tu abiti e lavori, è fondamentale che ti crei, se non l’hai già fatto, uno spazio – possibilmente all’aperto – solo tuo, in cui sai che puoi raccoglierti. Ritrovarti. Rifugiarti nei momenti più difficili, perché quel particolare spazio ha la capacità di confortarti e riequilibrarti. Uno spazio in cui porre particolare attenzione all’ascoltarti e al volerti bene.

 

un posto segreto
Photo by Wang Xi

 

Per chi non ha la fortuna di avere un proprio giardino privato, da comporre a proprio piacimento, potrebbe trattarsi di un prato particolare, la zona di un parco pubblico, un’oasi fuori città, una serra, l’angolo di una collina, una spiaggia, un posto in un bosco, un albero particolare nel giardino botanico… e tanto altro.

Potrebbe anche trattarsi di un luogo al chiuso, se è dotato di quella particolare energia o atmosfera che ti ha portata a sceglierlo come tuo spazio segreto… L’importante è che tu lì ti senti a tuo agio, creativa e libera e che senti che quel particolare posto speciale ha la capacità di ricaricarti, di ricomporre tutti i tuoi pezzi.

Potresti scegliere una stanza particolare solo per te, uno studio, un atelier, una terrazza… ricavarti il tuo spazio salvifico e fondamentale in cui sai che sei libera, indisturbata e che il tuo spirito può espandersi.

Quello che è importante è trovarlo, o crearlo.

Crearsi un proprio “cuscinetto” che ci protegga dalla violenza della realtà esterna, quando questa non agisce secondo le leggi nostre, interiori, antiche, salutari.

 

Un giardino segreto

 

E’ molto importante crearsi uno spazio esteriore che corrisponda a sua volta a uno spazio interiore immaginario durante le tue meditazioni (“immaginario” per me ormai è un modo di dire, visto che credo che il pensiero crei la realtà). Infatti, anche un giardino segreto interiore è fondamentale.

 

Diversi tipi di meditazione (qui quella che ti consiglio oggi) indirizzano lì: a immaginare un luogo per noi ideale, in cui a volte non siamo neanche legati dalle leggi fisiche a noi note. A volte possiamo vedere colori talmente vividi da non ritrovarli nemmeno nella realtà materiale di tutti i giorni.

Questo luogo può arricchirsi di particolari ogni volta che ci torni, ad occhi chiusi e in silenzio, per ricomporti e recuperarti in modo da tornare nel mondo di tutti i giorni più centrata e più forte. Meno vulnerabile.

 

Ma cosa significa in fondo “amare te stessa“? Ho ricercato il significato di questa domanda per tanti anni e una definizione che trovo molto adeguata è quella di Vadim Zeland, fisico, informatico, pensatore e scrittore (tratta da “Il fruscio delle stelle del mattino”):

“Amare se stessi significa cogliere la propria unicità e accettarsi così come si è, con tutti i difetti che si hanno. Il vostro amore nei riguardi di voi stessi non dev’essere in nessun modo condizionato.

Per amare se stessi, dovete smettere d’inchinarvi agli standard altrui. Chi mai vi impedisce di crearvi dei vostri standard personali? Lasciatevi andare. Non siete obbligati a corrispondere agli standard altrui e seguirli.”

 

Questo è ciò che si deve svolgere, soprattutto, nel tuo spazio privato.

 

 

il tuo giardino segreto
Photo by Annie Spratt

 

Quello è il luogo magico, carico di energia, di positività e di ispirazione, in cui potrai uscire dal tempo degli orologi, sdraiarti per terra se ti va, ballare selvaggiamente, ascoltare la tua musica preferita, mangiare quando ti pare, fare l’amore con te stessa, meditare, dipingere, urlare, sognare, abbracciare alberi, parlare con la natura, sporcarti con gli elementi, ascoltarti – chiudendo fuori tutto il resto.

Avremo certamente modo di approfondire, resta sintonizzata.

A questo link puoi trovare quattro foto stupende per ispirarti, sia all’esterno che all’interno.

 

Adesso ti saluto augurandoti un ottimo agosto, un’ottima estate e spero condividerai con me qui sotto racconti e descrizioni del luogo in cui ami raccoglierti.

Ti abbraccio con tutta la luce che posso, lasciandoti in dono per il tuo prossimo viaggio un brano splendido, che si chiama proprio “Il giardino segreto”, del compositore norvegese Rolf Lovland.

Raccontami dei tuoi luoghi e delle tue esperienze!

A presto con una serie di novità emozionanti per tutte <3

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *